Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. X

Logo Alumni Bicocca SITO BICOCCA 

Effettua l'accesso

Hai dimenticato la password?

Anonymous User Utente Anonimo
Diventa Socio

News & Eventi

La sfida di un ricercatore moderno raccontata da Renato Ostuni

11 Dicembre 2017 15:24 - 11 Dicembre 2017 15:24

Renato Ostuni, 34 anni, si è laureato in Bicocca in Biotecnologie, ha continuato, sempre in Bicocca, con un dottorato. Al momento dirige l’equipe che lui stesso ha creato presso il San Raffaele ed è stato Insignito di un ERC Starting Grant. In questa intervista ci racconta delle sfide di un ricercatore moderno e di come sia stato importante aver studiato in Bicocca per la sua carriera di ricercatore.

 

Quanto è stato importante il suo percorso in Bicocca per sostenere con convinzione le sue idee più audaci?

«Molto. In Bicocca ho avuto la fortuna di crescere, umanamente e scientificamente, con scienziati di calibro internazionale come la Prof. Granucci e il Prof. Zanoni, che mi hanno spinto a interpretare criticamente ogni tipo di evidenza scientifica e a mettere sempre in discussione le mie (e le loro) stesse idee. Questo atteggiamento, che ho ritrovato come caratteristica comune a tutti i migliori scienziati incontrati nel corso della mia carriera, si è rivelato fondamentale per la mia maturazione perché mi ha permesso di acquisire maggiore consapevolezza.»

 

Quali difficoltà ha affrontato nel mondo della ricerca e quali risorse l'hanno aiutato a superarle?

«Il lavoro quotidiano del ricercatore è senza dubbio duro e costellato di sfide: dal saggio che non vuole saperne di funzionare all’esperimento che dà risultati contrari a quello che si sperava, dalla presentazione da preparare nel fine settimana all’articolo scientifico da difendere “dall’attacco” dei revisori. E tutto ciò (lo dico per esperienza personale) non migliora proseguendo nella carriera! Ma tutte le difficoltà diventano minuscole quando, provando e riprovando, a un certo punto si trova una soluzione e ci si rende conto di osservare per la prima volta un fenomeno mai visto prima da altri, di stare facendo una scoperta. Dal mio punto di vista l’avere in laboratorio maestri e figure di riferimento che mi sostenessero e dessero i consigli giusti è stato determinante.»

 

Leggi il resto dell'intervista su Bnews