Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. X

Logo Alumni Bicocca La Community degli Alumni dell'Università degli Studi di Milano-Bicocca SITO UNIMIB 

Inserisci le credenziali di accesso

Hai dimenticato la password?

News & Eventi


Eventi

News

Gli Alumni si raccontano

I JobTalk/2

4 Agosto 2021 15:11

Nel mese di aprile, durante il JobTalk dedicato alle laureate e ai laureati di Matematica, abbiamo intervistato Elisa Garbossa, laureata in Matematica e oggi Database Developer presso il Joint Research Centre dell’UE Commission. Leggiamo la sua testimonianza!

 

Ci racconti del suo percorso formativo e lavorativo.

 

Dopo la maturità scientifica a pieni voti non avevo una visione chiara sul mio futuro lavorativo, così ho deciso di dedicarmi alla materia che più mi aveva appassionata al liceo: matematica. Ho intrapreso gli studi prima triennali e poi specialistici laureandomi in Matematica presso l’Università degli studi di Milano-Bicocca. Mi sono poi iscritta al servizio di Job Placement dell’Università e ho iniziato a candidarmi per posizioni e ricevere richieste di colloqui. A ottobre 2010, tre mesi dopo la laurea, ho iniziato a lavorare in Eudata, azienda di consulenza informatica di Milano, in cui sono rimasta fino a maggio 2017. Mi sono specializzata in Business Intelligence e ho lavorato per grossi clienti come Luxottica, Fastweb e Deutsche Bank. Durante questi anni di lavoro ho imparato ad utilizzare software e linguaggi dedicati, a relazionarmi con i clienti e con i colleghi in modo professionale e a lasciarmi stimolare dalle sfide che i progetti di volta in volta presentavano. A maggio 2017 ho iniziato la mia attuale esperienza lavorativa come consulente per il Joint Research Center di Ispra (VA), il centro comune di ricerca della Commissione Europea. Mi occupo ancora di dati, a supporto delle attività dei ricercatori che lavorano presso il centro. Sto vivendo un'esperienza lavorativa molto privilegiata perché è una piccola bolla internazionale, con colleghi provenienti da tutti i 27 stati dell'UE. Lavoro al 100% in lingua inglese e metto a disposizione le mie competenze tecniche per la scienza e la ricerca.

 

Cosa ne pensa dell’esperienza del JobTalk? 

 

È stata un'esperienza molto bella e stimolante perché mi ha permesso per una volta di raccontare il mio percorso a persone che conoscono bene l'ambito e soprattutto sono interessate perché coinvolte in prima persona. In secondo luogo, ma non meno importante, è stato molto interessante ascoltare le testimonianze degli altri relatori, simili alla mia per alcuni aspetti e diverse per altri. Infine credo nel mio piccolo di aver aiutato i ragazzi a dare delle risposte alle loro domande, questa è la cosa più gratificante.

 

Abbiamo intervistato anche Andrea Savoldi, che ha conseguito il Dottorato in Matematica e oggi è Manager presso QINTESI SpA.

 

Ci racconti del suo percorso formativo e lavorativo.

 

Laureato sia triennale che magistrale in Matematica presso l’Università di Milano Bicocca, nel 2013 vinco una borsa di studio per un dottorato di ricerca presso la Loughborough University (UK), che conseguo nella primavera del 2016. Il mio cammino professionale in azienda inizia con il ruolo di consultant, occupandomi di progetti di Business Intelligence e Data Modeling, presso importanti realtà aziendali italiane, acquisendo ruoli di crescente responsabilità fino a divenire Manager.

Attualmente gestisco team di lavoro in progetti nazionali ed internazionali, in ambito Analytics e Data Management.

 

Cosa ne pensa dell’esperienza del JobTalk?

 

Credo che l’esperienza del JobTalk sia una splendida iniziativa ed un’ottima opportunità per gli studenti che stanno per entrare nel mondo del lavoro, per chiarire eventuali dubbi e per avere un’occasione di confronto con professionisti che hanno seguito il loro stesso percorso, a maggior ragione quando si parla di una disciplina così teorica come la matematica, per cui si sente sempre parlare "bene" da un punto di vista lavorativo, ma non si ha mai la reale percezione di quali possano essere gli sbocchi futuri.