Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. X

Logo Alumni Bicocca La Community degli Alumni dell'Università degli Studi di Milano-Bicocca SITO UNIMIB 

Inserisci le credenziali di accesso

Hai dimenticato la password?

News & Eventi


Eventi

News

Gli Alumni si raccontano

L’utilizzo dello smartphone: Rischiamo di diventarne dipendenti?

12 Novembre 2021 09:51 - 12 Novembre 2021 09:51

Scritto da Michela Vezzoli

 

L’utilizzo dello smartphone permea la nostra quotidianità. In Italia, l’83% della popolazione possiede uno smartphone e, in media, gli italiani passano circa più di 2 ore utilizzandolo (We Are Social & Hootsuite, 2018). Anche nella popolazione italiana più giovane, l’uso dello smartphone è diventato estremamente comune: l’86% degli adolescenti tra gli 11 e i 17 anni afferma di utilizzare lo smartphone tutti i giorni e che, in media, essi hanno ricevuto il loro primo smartphone all’età di 11 anni (Doxa Kids & Telefono Azzurro, 2016). La maggior parte di noi porta il suo smartphone ovunque e lo utilizza per svolgere la maggior parte delle attività lavorative e del tempo libero. Se ci riflettete, sono numerose le attività che possono essere eseguite attraverso lo smartphone: rispondiamo ai messaggi, controlliamo le e-mail, facciamo degli acquisti, cerchiamo informazioni, guidiamo verso una destinazione, ci rilassiamo giocando a Candy Crush e molti altri. Come potete immaginare, abbiamo tanti motivi per usare il nostro smartphone e diventa sempre più innegabile il fatto che lo smartphone abbia trasformato radicalmente le nostre vite offrendoci servizi senz’altro utili.

 

Vista la pervasività dell’utilizzo dello smartphone nelle nostre vite, non sorprende che negli ultimi dieci anni sia stata condotta molta ricerca per comprendere se l’utilizzo eccessivo dello smartphone sia legato a possibili effetti avversi. In generale, quello che è emerso da diversi studi è che l’uso problematico dello smartphone si associa a problematiche di varia natura, anche di tipo psicologico. Nella letteratura di riferimento, l’utilizzo problematico dello smartphone è stato definito come l’incapacità dell’individuo a regolare l’utilizzo dello strumento che, in alcuni casi, comporta delle conseguenze negative per l’individuo, sia a livello cognitivo che comportamentale, individuale e sociale. Diverse ricerche hanno riscontrato che l’utilizzo problematico dello smartphone è legato alla compromissione delle capacità di controllo inibitorio, delle capacità attentive e a un aumento dell’impulsività.

L’uso eccessivo dello smartphone ha un effetto sul nostro benessere psicologico. Diversi studi, da questo punto di vista, hanno evidenziato...continua su The Brain Salad